Numero 1/2011

 

 

Osservatorio Alleanze e Strategie nel Mercato Pan Europeo delle Utilities
La gestione dei processi post-merger in Italia e in Europa. Contributo di Andrea Gilardoni, Luca Cesari et alia


Academy- AIDEA
Danovi A. e Karletsos D., Alleanze e Aggregazioni nel settore del Trasporto Pubblico Locale. Una prima analisi delle motivazioni strategiche

 

E ancora:
> Aspettando la strategia energetica nazionale... di Federico Testa

> Il mercato mondiale del gas naturale dopo la crisi e lo sviluppo dei gas non convenzionali

> Possibili impatti della riforma dei servizi pubblici locali nelle regioni del Sud Italia

> Il futuro dei sussidi nei Trasporti Pubblici

> I mercati del Gas e dell'Elettricità nel 2010

> Cosa fare per favorire il rilancio del settore idrico

> Alcune riflessioni sui costi per l'Italia dell'abbandono del nucleare

L'accreditamento AIDEA

La sezione Academy raccoglie i contributi di studiosi e ricercatori che, in via esclusiva o incidentale, si occupano dei settori dei servizi di pubblica utilità. Questa sezione vuole rafforzare il collegamento, spesso troppo esile e non scevro di incomprensioni, tra sistema produttivo e sistema accademico. Il taglio dei lavori, mantenendo il rigore necessario, deve avere apprezzabili ricadute applicative; la forma espositiva deve porre in grado anche i non addetti ai lavori di cogliere i significati fondamentali delle questioni trattate.
La Rivista ha acquisito nel tempo ampia diffusione e riconoscimenti da parte di manager, operatori del comparto e policy maker. Gli interessi sollecitati sono molteplici poiché all’analisi dei sistemi e delle tecniche gestionali più qualificati, nell’ambito delle differenti funzioni aziendali, ivi comprese l’innovazione tecnologica e l’evoluzione normativa, vengono affiancati aspetti macrosettoriali relativi alle politiche infrastrutturali, tariffarie e finanziarie di settore. Il governo dei servizi non può però prescindere da una adeguata strumentazione teorica e metodologica, spesso frutto di studi accademici.
Con l’accreditamento della Rivista presso l’Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA) si è inteso rafforzare la qualità dei contributi scientifici proposti dai vari studiosi e accolti nella sezione Academy. L’allargamento del Comitato scientifico ad autorevoli ricercatori internazionali e nazionali, il referaggio anonimo da parte di almeno due studiosi accademici, la rigorosa definizione dei criteri di presentazione dei lavori costituiscono i presupposti per migliorare il livello delle analisi e, nel contempo, contribuire alla produzione di nuove ricerche, ovviamente rivolte alla soluzione di problematiche operative.
Il contributo di Alessandro Danovi e Dimitri Karletsos esamina i processi di aggregazione e le alleanze nel comparto del Trasporto Pubblico Locale. Gli Autori analizzano 35 casi identificando i trend fondamentali con riguardo agli aspetti strategici e alle relative finalità perseguite con le intese. Gli attori del processo sono sia i piccoli operatori locali, che tendono ad unirsi in consorzi, sia i grandi operatori nazionali che cercano spesso timidamente e tra mille dubbi e perplessità di dialogare con altri soggetti, sia, infine, gli operatori internazionali la cui logica si è prevalentemente fondata su operazioni di acquisizione di imprese di nicchia operanti in contesti redditizi. Il lavoro è di sicuro interesse poiché traccia il quadro di un fenomeno ancora ai primi passi ma che potrebbe svilupparsi significativamente se le condizioni di contorno diventassero più favorevoli.

Competitive Intelligence

Il primo contributo è di Federico Testa. Le riflessioni si appuntano sul tema della politica energetica nazionale: con un approccio “leggero” l’Autore riassume i punti fondamentali per avviare un concreto dibattito sulla politica energetica del Paese. Innanzi tutto, di rilievo è mettere a fuoco le effettive tendenze della domanda di elettricità che potrebbe essere anche significativamente condizionata dalle politiche sul risparmio energetico oltre che dai fenomeni di delocalizzazione produttiva. Viene poi la politica sulle rinnovabili e sulle fonti tradizionali. I temi della concorrenza, della liberalizzazione, delle reti e di una prospettiva europea completano il quadro proposto da Testa.
Il secondo lavoro è di Simone Chimini, un brillante neo dottore in Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali presso l’Università Bocconi. Lo studio esamina le prospettive del mercato mondiale del gas naturale a fronte della crisi economica che ha toccato soprattutto i Paesi occidentali (la Cina ha avuto nel 2010 una crescita di oltre il 10%!). Il mercato, ivi inclusi anche gli equilibri geo-politici, saranno, secondo l’Autore, fortemente condizionati dallo sviluppo dei cosiddetti unconventional gas di cui si offre un quadro sintetico delle dimensioni e delle riserve probabili. La tesi è certamente condivisa da molti osservatori: tali gas sono in grado di soddisfare i consumi dei paesi occidentali per molti decenni e certamente hanno determinato una “bolla” le cui dimensioni e la cui durata sono ancora tutte da scoprire. In particolare, sarà la dinamica della domanda a determinare l’effettiva struttura dell’offerta negli anni a venire.
Il terzo contributo è di Giuseppe Coco, Mario Rosario Mazzola e Vito Peragine. Il loro lavoro si presenta di particolare interesse poiché esamina la questione della riforma dei servizi pubblici locali con particolare riguardo al caso delle regioni del Meridione d’Italia. Gli autori, infatti, riferiscono di una ricerca empirica compiuta in Calabria, Puglia e Sicilia da cui traggono alcune indicazioni di policy tra cui spicca l’indicazione imprescindibile di una unica Authority a livello nazionale a cui sia delegato il compito della regolazione.
Vi è poi il consueto contributo di Peter Crilly che traccia un quadro complessivo dell’andamento dei mercati all’ingrosso di elettricità e gas nel corso del 2010. Attenzione è in particolare dedicata al tema del disaccoppiamento dei prezzi del gas spot dai contratti a lungo termine take or pay. Il contributo si conclude con una serie di riflessioni circa i temi caldi per il 2011.
Infine, vi è il contributo di Marcello Marino che riguarda il tema dell’efficacia dei sussidi nel trasporto pubblico locale. Dopo avere illustrato le motivazioni che giustificano l’intervento dello Stato nei trasporti pubblici, l’Autore sviluppa alcune interessanti riflessioni: piuttosto che rimanere schiavi dell’idea che migliori servizi siano determinati solo da una maggiore spesa, sarebbe preferibile sviluppare delle vere politiche di mobilità che agevolino il trasporto pubblico senza incrementarne l'onerosità.

Speciali Osservatori
M&A Utilities e CNF - I Costi del Non Fare

In questo numero ospitiamo dei contributi riferiti agli Osservatori di cui la Rivista è partner. Si tratta di:
M&A Utilities – Osservatorio sulle Alleanze e Aggregazioni nel Mercato Pan-Europeo delle Utilities
CNF – Osservatorio su “I Costi del Non Fare”.
Per l’Osservatorio M&A Utilities riportiamo per intero lo studio 2011 condotto da Agici e Accenture sulla gestione ottimale del post merger a seguito di grandi operazioni M&A. Lo studio, partendo da alcune considerazioni generali, approfondisce l’integrazione di quattro processi chiave: procurement, risorse umane, plant operations e fleet management, capital investment program.
Per il CNF due articoli. Il primo di Alessandra Garzarella analizza i temi cruciali del settore idrico ed espone alcune riflessioni per favorirne il rilancio; riflessioni nate nel dibattito avvenuto in occasione del Convegno annuale di presentazione del Rapporto 2010 di cui abbiamo parlato nell’ultimo numero di MdU.
Le riflessioni del prof. Adriano De Maio, nel secondo contributo, riaprono invece la questione dei costi che l’Italia ha dovuto sostenere per aver abbandonato il nucleare e stimolano a una seria discussione sul tema.
Come di consueto, contributi, riflessioni, critiche e idee sono più che benvenute.

>