Numero 3/2020

 

 

Academy-AIDEA
Fontana F., “Le performance economicofinanziarie delle imprese di trasporto pubblico locale”

Competitive Intelligence
- La Centrale Operativa Sicurezza: il fiore all’occhiello di Acea durante il Covid
- Rilegno: un caso virtuoso di economia circolare
- Una roadmap per la misurazione della circolarità

Servizio Idrico e Sostenibilità
Quale governance per l’acqua in un quadro di cambiamento climatico? Le indicazioni dello Studio Oswi 2020

L'Opinione dei Protagonisti
Elettricità Futura. Il passato e il futuro secondo l’Opinione di due Protagonisti: Simone Mori e Agostino Re Rebaudengo

Dal Centro Studi Efficienza Energetica CESEF
Superbonus 110%: le proposte al Governo del tavolo di lavoro Eco-Sismabonus di Agici

Dalle Aule dell’Università
A proposed approach for utilities in the sustainable development of cities


Academy-AIDEA
La sezione Academy raccoglie i contributi di studiosi e ricercatori che, in via esclusiva o incidentale, si occupano dei settori dei servizi di pubblica utilità. Questa sezione, diretta dal prof. Giovanni Fraquelli, vuole rafforzare il collegamento, spesso troppo esile e non scevro di incomprensioni, tra sistema produttivo e sistema accademico. Il taglio dei lavori, mantenendo il rigore necessario, deve avere apprezzabili ricadute applicative; la forma espositiva deve porre ingrado anche i non addetti ai lavori di cogliere i significati fondamentali delle questioni trattate.
Il trasporto pubblico locale assolve a una funzione fondamentale nel perseguimento degli obiettivi di competitività economica, coesione sociale e crescita sostenibile del territorio, presentando importanti riflessi economico-finanziari, in relazione sia agli investimenti richiesti per il sistematico rinnovo di infrastrutture e veicoli, sia ai costi di funzionamento del servizio. Sotto questo secondo profilo e accogliendo un’ottica economico-aziendale, pare interessante verificare la funzionalità del settore e delle imprese in esso impegnate, cercando di colmare alcuni limiti insiti nella letteratura in materia che, a seconda dei casi, considera soltanto alcuni aspetti dello stato di salute aziendale o riporta esiti non generalizzabili. In particolare, attraverso un’analisi dei bilanci della totalità delle aziende del settore, si intende determinarne le performance economico-finanziarie e, altresì, verificare se e in che misura tali performance siano influenzate da alcune variabili rilevanti, quali l’assetto proprietario, la dimensione operativa e l’area geografica di attività. Oltre a consentire un giudizio sullo stato di salute economico-finanziaria delle imprese considerate, l’analisi di Federico Fontana offre indicazioni utili ai fini della valutazione del processo di riforma del settore e della sua attuazione.

Settore Idrico e Sostenabilità
La sezione Settore Idrico e Sostenibilità raccoglie i contributi dei protagonisti del Servizio Idrico Integrato (Utilities, Produttori di Tecnologie, Amministrazioni Pubbliche, ARERA e Università). I temi trattati includono gli aspetti normativi e regolatori, i modelli di business, le modalità di finanziamento degli investimenti, l’innovazione tecnologica e il rapporto con i consumatori, con particolare attenzione alla sostenibilità economico-finanziaria, sociale e ambientale. La prospettiva è sia nazionale che internazionale.
L’articolo di Paolo Cutrone, Alessandra Garzarella e Simone Pasquini riassume i risultati del Rapporto “Per una nuova governance dell’acqua. Dal valore all’uso sostenibile della risorsa” dell’Observatory for a Sustainable Water Industry (OSWI) di Agici. L’obiettivo del Rapporto 2020 è contribuire al dibattito sulla Strategia Idrica Nazionale. Ciò attraverso, da un lato, l’analisi delle sfide, degli obiettivi e dei principi di governance a livello internazionale e nazionale e degli utilizzi nei vari settori economici a livello locale/regionale; dall’altro, con una raccolta dei casi di eccellenza nella gestione integrata delle risorse idriche nei settori civile, energetico, industriale, agroalimentare.

Competitive Intelligence
La sezione Competitive Intelligence ha lo scopo di mettere a fuoco le tendenze di fondo delle dinamiche competitive nei diversi comparti delle Utility. Questo in una prospettiva sia nazionale che internazionale.
Lo sviluppo, la sicurezza e la qualità della vita nei paesi industrializzati dipendono sempre più dal funzionamento, continuo e coordinato, di un insieme di infrastrutture che, per la loro importanza, sono definite Infrastrutture Critiche (IC). Le soluzioni di Security implementabili per il raggiungimento del livello di sicurezza voluto nell’ambito di una IC nel settore Utilities & Energy sono, secondo gli autori Gabriele Ferretti e Maria Elena Mancini, composte generalmente da una rete di sistemi e sottosistemi complessi guidati da una Centrale Operativa in grado di monitorare, attivare e coordinare piani di intervento rapidi e mirati, massimizzando l’efficacia del risultato e minimizzando i costi di gestione.
Esiste un sistema circolare concreto che dà vita a un ciclo economico virtuoso unico in Europa. È il sistema del legno gestito da Rilegno, il consorzio nazionale che si occupa della raccolta e del riciclo del legno in Italia. Un sistema circolare, come spiega l’autore Elena Lippi, nato 23 anni fa da una legge dello Stato, che coinvolge le piccole e medie imprese e agisce per creare valore a livello economico, sociale e ambientale.
La pianificazione di una roadmap per la definizione di una strategia di misurazione della circolarità deve tenere in considerazione molteplici aspetti utili al raggiungimento di risultati in termini di uso efficiente delle risorse. Partendo da quelli che possono essere i “metodi” di misurazione fino all’inclusione degli aspetti economici e finanziari, l’autore Marco Capellini presenta un percorso per le imprese nell’organizzazione di modelli di misurazione dell’economia circolare.

Dagli Osservatori
La sezione Dagli Osservatori ospita i contributi provenienti dagli Osservatori di cui la Rivista è media partner e cioè:
• M∓A Utility – Osservatorio sulle Alleanze e le Strategie nel Mercato Pan-Europeo delle Utilities (www.agici.it/utilities/)
• OIR – Osservatorio Internazionale sull’Industria e la Finanza delle Rinnovabili (www.agici.it/rinnovabili/)
• Infrastructures Unit – che comprende l'Osservatorio “I Costi del Non Fare” (CNF), il Quality Project Lab (QPLab) e l’Osservatorio sulla mobilità sostenibile OSMM (www.agici.it/infrastrutture/)
• CESEF – Centro Studi sull’Economia e il Management dell’Efficienza Energetica (www.agici.it/efficienza-energetica/)
• OSWI – Observatory for a Sustainable Water Industry (www.agici.it/idrico/)
• Monitor Piano Energia e Clima (PEC) (monitorpec.agici.it/)
• OSCI – Osservatorio Strategie Circolari d’Impresa (www.agici.it/economia-circolare/)
Le detrazioni fiscali sono sia in Italia che in Europa lo strumento principe per favorire gli investimenti in efficienza energetica negli edifici residenziali, focus di tutte le più recenti politiche in materia di energia e ambiente. Tuttavia queste misure, compreso il Superbonus 110%, non sono esenti da aspetti critici che ne limitano la portata. Per risolvere queste problematiche Agici ha promosso la costituzione di un Tavolo di Lavoro ad hoc. Gli autori, Stefano Clerici, Federico Montanaro e Anna Pupino, illustrano nell’articolo le proposte avanzate al Governo per massimizzare l’efficacia del Superbonus 110%, strumento di grande importanza per rilanciare gli investimenti di riqualificazione degli edifici e l’economia del Paese.

Dalle Aule dell'Università
La sezione Dalle Aule dell’Università ospita i contributi di studenti che, nell’ambito dei loro corsi di studi, hanno sviluppato particolari approfondimenti su tematiche di interesse della Rivista.
Lo scopo della ricerca di Giulia Diano è progettare un nuovo modello operativo per le utilities intenzionate ad avere successo e, soprattutto, dirigere la trasformazione sostenibile delle aree urbane. L’approccio seguito è di tipo bottom-up, iniziando dall’analisi di uno studio nel quale i principi della Doughnut Economy vengono applicati ad Amsterdam, per poi focalizzarsi sull’identificazione del ruolo delle utilities in quelle circostanze da cui estrapolare i concetti chiave. Da ultimo, il business case viene supportato da un’analisi costi-benefici di tipo qualitativo.

>